SAL SACAMMACCA


Vai ai contenuti

GROSSOLANI ERRORI SULLE FREQUENZE RADIO

THE HUMP

I know that I am totally inhibited, today, as I have been for decades, hampered by a psychological menta' block from making a normal use of any kind of complicated radio equipment.
I
am not even permitted the simile handling of an ordinary transmitter anymore, a condition which finds its origin in the two or three radio frequency screwups I was in volved in, when I was a teenage pilot in air cadet and officer pilot training in the Army Air Corps during World War Two.
These incidents were primarily caused by my twin brother Nat, who is also plagued by the same malady. Add to this aversion of ours to transmitting and receiving radio signals, the stringe allergy we have for any complicated hocus-pocus trickery of the post-modern age such as persona! computers and all their intricate electronic gadgetry, television sets, and the remote control that goes along with the sterco equipment I have in my condominium ncar Albany, New York, which was moved up to Clifton Park bere, from my seaside house in Freeport, Long Island, where I used to live. My son Michael, living in Newtonville, nearby, a business man and expert in these matters, with university computer professors in his main office at his beck and cali, or the secret partners in his trust fund business able to devise metaphysical connections between one office machine and another; Mary, his mother and my consort, always such a practical housewife and gifted business woman knowing how to save or make a buck in an ultra efficient way; and my two big grandsons, Aaron and David, living down at New Fairfield in Connecticut, drooling to take over the handling of such challenging apparatus, with their 1.Q.'s to the nth power—have completely banned me from the centrai power room that controls all these gadgets, for they know who the enemy is, ME. Yes, they know who the man is that has an uttermost abhorrence for this very modern computerized world. It is their incompetcnt parent, husband, and grandfather, always ready to upset everything by throwing a monkey wrench into the system. lmagine what would happen were my brother Nat to come back to the States to help me almost nothing would work again! But he has his own troubles to contend with over there in Sicily: His daughter Glenn, Businesswoman, selling computers and software.


ALLENDALE CONTROL

On that day in Georgia, Nat and I took off separately in our single

wing B.T.13s from Cochran Airfield for our first exciting cross-country flight. We were a littie apprehensive, piloting these basictrain ing planes that looked like dangerous modern fighters but were really m uch too heavy and slow, responding sluggishly to our controls because of the underpowered engines with which they were equipped.
Nat took off first and reached the Allendale Control tower to the east near the Atlantic coast, the returning point, and asked for instructions to go back to our home field, but it was at this point that the trouble began, for Nat had screwed up something. He was trans
mitting on the -correct frequency so that ali the other cadet and instructor pilots, plus the men in the Allendale Control tower, could hear Nat loud and clear, but my twin brother must have forgotten to switch on his receiver and therefore, was unable to hear any order the tower wanted to give him. It was as ifhe were deaf, as he partially is, today, forced to rely on a hearing aid.
So he started to rcpeat endlessly, "Allendale Control, are you receiving? I am reporting in. Can I return?" This brief request for orders was expressed insistently, not just a few times, but a thousand racking, tormenting times, in a high screeching falsetto voice, driving the
tower men and all the other incoming pilots flying the same cross-country leg, out of their poor cotton-pickin' minds. They were prevented from communicating their requests for instructions and replies. It forced them to listen to this idiotic repetition, over and over again: "Allendale Control, are you receiving me? I am reporting in. Can I return?"
"Get the hell off the air and get out of bere!" the Allendale Control retaliatcd, but with no results. This went on endlessly.finally spotted Nat's piane circling above the Allendale Control tower like a vulture, never letting off the exhausted prey below (by now with punctured eardrums). I felt responsible; after all, he was my twin brother and I had to pull him out ofthis mcss somehow, before they decided to shoot him down. Nat's screwups were mine. We had the same flying instructor with big, powerful hairy arms, and he could not teli us apart; wc were one and the same person for him, and for a strange series of coincidences, he invariably turned against me. (Even my father gave me all the whippings instead or giving Nat what he deserved, too, reaching over him to get at me with the strap. Yes, I was always blamed). Maybe the reason Nat got off lightly was because he told the truth in the face of threats and punishment.
I did the only thing I could do to help Nat. I opened the canopy of my B.T.13 so that hc could recognize me and began diving at him, waving my arms, all at the same time. I continucd these aerial acrobatics until I began thinking he was not only deaf, but blind, too. "Allendale Control, are you receiving me? Can I return?" was lite-rally driving me batty.
He finally saw me, acknowledged my signals, and flew back to Cochran Airfield. No doubt the Army Air Corps must have thought a brokcn record had been played on the Allendale frequency.
When we landed at our home base,
our hairy armed instructor was waiti n g for us and made a motion as if he wanted to strangle one of us his bare hands, but partilooked at the twin he wanted to killME!


So di essere stato sempre ostacolato da un blocco mentale psicologico nell'uso di qualsiasi tipo di apparecchiature radio, complicate o no. Non sono capace nemmeno di maneggiare una semplice trasmittente, condizione, questa, che mi ha fatto incappare in tre grossolani errori quando frequentavo l'accademia di ufficiale pilota nell'esercito USA, durante la II guerra mondiale.
Errori ai quali contribuì in larga misura, il mio gemello Nat, perseguitato anch'egli dalla stessa malattia. Si tratta di una vera e propria allergia per ogni apparecchio radio, ricevente o trasmittente e per qualsiasi aggeggio complicato dell'epoca post-moderna, come personal computers e televisori, nonché la filo diffusione con stereo che ho fatto sistemare nel mio appartamento alla periferia di Albany, N.Y. e che avevo nella mia casa sul mare a Freeport
L.1. dove prima abitavo.
Mio figlio Michele che vive a Newtownville vicino a me, un vero uomo d'affari, in queste faccende è invece espertissimo.
Egli vive tra docenti universitari, che nel suo ufficio gli ubbidiscono alla lettera ed esperti operatori in borsa suoi soci discreti, capaci di escogitare collegamenti metafisici tra una macchina d'ufficio e l'altra.
Maria, mia moglie, sua madre, è una puntigliosa casalinga e anche donna d'affari che sa come risparmiare o fare fruttare un dollaro in modo ultraefficente; i miei due nipoti, Aaron e David, che vivono a New Fairfield in Connecticut, con la loro Q.I. all'ennesima potenza, sbavano per poter prendere in mano le varie apparecchiature di casa mia, e, quando ci riescono, mi tengono lontano dalla stanza dei bottoni. Sì, essi sanno che il nonno ha un totale rigetto di tutto ciò che è ultracomputerizzato; egli è capace, a loro parere, di dimenticare pure un attrezzo dentro il computer.

Immaginate, poi, cosa succederebbe se mio fratello Nat ritornasse negli States per darmi una mano! Egli ha i propri guai lì in Sicilia con cui battagliare: sua figlia Glenn, donna d'affari, addirittura vende computers e software.

Forse la mia e quella di Nat è soltanto una vecchia maniera di comportarci con le cose, e niente di più; una qualità che pare stia a mano a mano scomparendo in questo mondo frettoloso di superstrade, supermercati, mass-media, etc. Tuttavia, lasciatemi raccontare i tre episodi capitatemi a causa di questa "malattia

IL CONTROLLO DI ALLENDALE


Quel giorno, nello stato della Georgia, Nat ed io decollammo separatamente con i nostri B.T. 13 monoala dall'aeroporto di Cochran per il nostro primo lungo volo cross-country. Eravamo un po' preoccupati perché quegli aerei di esercitazione di base somigliavano ai caccia moderni, ma erano troppo pesanti e rispondevano lentamente ai nostri comandi in quanto avevano motori non sufficientemente potenti.Nat decollò per primo, e raggiunse la torre di controllo di Allendale, ad est vicino la costa atlantica, punto di ritorno, e chiese le istruzioni per atterrare alla base.
E cominciarono i guai. Nat aveva commesso qualche grossolano errore nell'azionare qualche manopola e, pur trasmettendo sulla frequenza giusta, oltre a sentirlo gli addetti alla torre di controllo, lo sentivano forte e chiaro gli altri cadetti e piloti istruttori. Inoltre, sicuramente, aveva dimenticato di accendere il ricevitore, e perciò non era in grado di ricevere qualsiasi ordine che dalla torre di controllo
gli avessero dato.

Egli era sordo, sordo come parzialmente è oggi, tanto da essere costretto qualche volta a ricorrere ad un apparecchio audio.

Cominciò ininterrottamente a ripetere, «Torre di controllo di Allendale, ricevete? Posso ritornare?» Questa breve richiesta fu espressa insistentemente non poche, ma un migliaio di tormentose volte in alto tono di falsetto, facendo impazzire gli addetti alla torre di controllo e tutti gli altri, soprattutto i piloti che si avvicinavano alla stessa rotta cross-country, che a loro volta venivano ostacolati nel dialogo con la torre e non riuscivano a ricevere istruzioni». «Allendale control, mi ricevete? Posso ritornare?»

«All'inferno, togliti dalla frequenza e vattene via», ribattevano quelli della torre di controllo, ma senza risultato.

E la cosa continuava. Per fortuna avvistai l'aereo di Nat che girava sopra la torre di controllo di Allendale come fosse un avvoltoio che gira su una ambita preda. Mi sentivo responsabile; dopotutto era il mio gemello e, in qualche modo, dovevo tirarlo fuori da questo imGli errori di Nat li ho sentiti sempre anche miei. Del resto spesso mi toccava essere rimproverato al posto suo. Avevamo lo stesso istruttore di volo, con grosse potenti braccia pelose, che non riusciva mai a distinguerci; per lui eravamo una stessa persona e, per una strana serie di coincidenze, irrimediabilmente se la pigliava sempre con me. Il colpevole ero sempre io. Anche mio padre aveva dato le cinghiate a me al posto di Nat che le meritava. Sì, ero sempre io il colpevole!
Forse la ragione per cui Nat veniva trattato con i guanti gialli era perché diceva sempre la verità anche a costo d'essere punito.
Feci l'unica cosa che avrei potuto fare per aiutarlo: aprii il plexiglas del mio B.T.13 in modo da farmi riconoscere, e cominciai a scendere in picchiata sul suo aereo agitando le braccia con la speranza che mi riconoscesse, ma ad un certo punto mi venne il sospetto che Nat non fosse solamente sordo ma che fosse diventato pure cieco. «Allendale mi ricevete? Posso ritornare?»
Disperato, continuavo a cercare di attirare la sua attenzione, quando finalmente egli mi vide e, rispondendo al mio segnale, ritornò nella direzione dell'aeroporto di Cochran.
Senza dubbio tutti avranno pensato a un disco inceppato sulla frequenza di Allendale.
Quando atterrammo alla base, l'istruttore dalle braccia pelose era lì ad aspettarci e fece un gesto come a volerci strangolare, in particolare fissava il gemello che voleva uccidere: me.




Home Page | Biografia | THE HUMP | Album Fotografico | Collegamenti | Mappa del sito


Prodotto da Webcomputerservice - Schammacca (copyright 2007-2010) Tutti i diritti sono riservati | iotabetaweb@gmail.com

Torna ai contenuti | Torna al menu